Genesis Plus GX – Emulare Sega Master System e Genesis su Retroarch

Copertina Genesis Plus GX

Genesis Plus GX è un core per Retroarch capace di emulare perfettamente tutti i titoli Sega Master System, Sega Genesis, Sega CD e Sega Game Gear ,attualmente è il migliore della sua categoria.
E’ basato sul vecchio emulatore Genesis Plus di cui esiste anche una conversione per Gamecube/Wii.

Questa guida tratta solamente la corretta installazione e configurazione del core in Retroarch su sistema operativo Windows, la sua integrazione col frontend Hyperspin per è stata trattata -> QUI – Per Sega Master System.


Prima di iniziare

Genesis Plus GX è disponibile su piattaforma Libretro!
Se ancora non possedete Retroarch date prima una lettura alla nostra guida base su come installare e configurare Retroarch.

Download del core Genesis Plus GX

Avviamo Retroarch e giunti al menù principale selezioniamo “Carica core” e successivamente “Scarica core” per accedere alla lista completa dei core disponibili per la vostra piattaforma.

La lista è in ordine alfabetico quindi muoviamoci alla voce “Sega – MS/GG/MD/CD (Genesis Plus GX)” e selezioniamola, Retroarch scaricherà e installerà automaticamente i file necessari.

Potete notare che esistono altri core per Sega Master System come “Emux SMS” o “Gearsystem”, nonostante siano tutti ottimi core e il Master System sia ormai emulato ottimamente tramite molti programmi, in questa guida tratteremo solamente Genesis Plus GX.
Sentitevi liberi tuttavia di sperimentare gli altri core, potreste scoprire qualche funzione interessante!

BIOS

Genesis Plus GX non necessita di particolari BIOS per eseguire i titoli Master Syste, Genesis e Game Gear, riuscirete ad avviare tutto il parco giochi della console senza problemi.

Questione differente invece per i titoli Mega CD dove si renderà necessaria la presenza dei file bios_CD_E.bin, bios_CD_U.bin e bios_CD_J.bin, rispettivamente per la versione europea, Americana e Giapponese dei titoli.
Fonte -> https://docs.libretro.com/library/genesis_plus_gx/

E’ importante che i file siamo nominati correttamente e posizionati nella cartella system di Retroarch, in caso contrario non riuscirete ad avviare nessun titolo!

Formato delle rom

Genesis Plus GX supporta rom nei formati: md, mdx, smd, gen, bin, cue, iso, sms, gg, sg, 68k, chd che vengono caricati senza particolari attenzione dal core

I titoli Sega CD invece richiedono file in formato .iso o .bin accompagnati dal un file .cue.
il file andrà a contenere tutte le istruzioni per il corretto caricamento dei giochi come da esempio nell’immagine sottostante.

Fonte: pagina ufficiale Libretro del core

Maggiori informazioni sul caricamento dei giochi sulla pagina ufficiale libretro al capitolo “Loading Sega Cd Games”

Aggiunta dei giochi

Master System add games

Nel menù principale spostiamoci tutto a destra sul simbolo + e selezioniamo “Scansione della directory” quindi andate a selezionare la cartella contenente tutti i vostri giochi Sega Master System o Genesis e selezionato la voce “< effettua la scansione di questa directory >”, Retroarch inizierà a scansionare i titoli presenti e a fine lavoro ve li proporrà in un nuovo comodo menù contrassegnato da simbolo del pad della console che state emulando (nello screen potete notare il pad della Sega Master System).

Opzioni interessanti in Genesis Plus GX

Il core dispone di numerose opzioni anche se risultano piuttosto tecniche e potrebbero non interessare all’utente medio.

Se avviate quel titolo per la prima volta vi verrà chiesto di confermare con quale core avviare il suddetto gioco, scegliete “Genesis Plus GX” e selezionate nuovamente “Avvia”.

Una volta avviato il gioco premete “F1” (nel caso non abbiate cambiato il tasto assegnato) e selezionate “Opzioni”, qui troverete le impostazioni del core che vi permetteranno di adattare il gioco alle vostre esigenze.

Tra le voci la possibilità di cambiare la console emulata (System Hardware) o la regione di appartenenza (System Region), entrambe di default impostate su “Auto” e numerosi filtri audio e video con cui gli appassionati potranno giocare per tentare di ricreare gli stessi “bug” grafici e le stesse frequenze audio della console originale.

Quale controller scegliere?

Il core emula senza indugi tutti i molteplici tipi di controller apparsi per le console sopra elencate, per Master System esisteva per esempio il classico Control PAD a due pulsanti, lo Sports pad con l’analogico integrato, la Graphics board e la pistola Light Phaser, mentre per Sega Genesis esistevano i controller a 3 pulsanti o a 6 pulsanti, vari Multitap per giocare in 4, un particolare controller analogico e un mouse.

Premendo il tasto “F1” durante il gioco e accedendo al menù “Controlli” alla voce “Utente 1 Tipo Dispositivo” possiamo scegliere quale controller fare emulare al core.
Possiamo impostare la voce su “Auto” per lasciare al core il compito di decidere quale sia il controller più adatto.

Retroarch tuttavia ci mette a disposizione tutti gli strumenti per fare una scelta intelligente del controller connesso, avviamo per esempio un qualsiasi titolo Master System e selezioniamo “MS Joypad 2 Button” per entrambi i giocatori.

Selezioniamo ora “Salva Core del file di Remap” per mantenere queste impostazioni per tutti i titoli avviati con quel core (utile per i core che avviano una sola console tipo “Beetle PSX HW”), “Save Content Directory Remap File” per salvare queste impostazioni solamente per i giochi che provengono dalla stessa cartella di quello avviato (Utile nel nostro caso dato che il core gestisce più console ci serve una differente configurazione per ognuna di esse) e o infine “Salva il file di Remap del Gioco” che andrà a salvare le opzioni solamente per quello specifico titolo (utile per gestire ad esempio i titoli che necessitano del Light Phaser.

Possibili problemi con gli analogici

Alcuni utenti hanno riscontrato una cattiva gestione degli analogici in gioco, durante il gioco si possono riscontrare movimenti incontrollati del protagonista o mancati spostamenti.
Il problema è dovuto al tentativo da parte del core di trasformare gli input della classica croce direzionale (D-pad) in input analogici, assenti nel classico pad Master System e Genesis, e si risolve facilmente.

Se riscontrate tali problemi entrate nel menù in-game premendo “F1” durante il gioco e alla voce “Controlli” verificate che non sia selezionato un controller analogico (ad esempio: lo Sports pad per Master System).
In aggiunta dal menù principale di Retroarch navigate in “Impostazioni > Input > Input utente 1 binds” e alla voce “Utente 1 da analogico a digitale” selezionate “Nessuno”, questo disabiliterà l’uso degli analogici facendovi usare la croce direzionale.

Uso delle Lightgun con Genesis PLus GX

Genesis Plus GX emula perfettamente la Light Phaser del Master System permettendo così di avviare e giocare i titoli che la supportano senza indugi.

Come ogni altro emulatore che gestisca le Lightgun anche qui tutto il lavoro viene svolto dal Mouse che si limiterà a prendere il posto della pistola in fase di puntamento, muovendo il mouse vedremo quindi muoversi il cursore a schermo.

Retroarch MS Lightgun

Avviate un gioco che richiede l’uso del Light Phaser (ad esempio Space Gun) entrate nel consueto menù in-game premendo “F1” e selezionate “Opzioni”, qui controllate che la voce “Light Gun Input” sia settata su “Light Gun” in caso contrario il sistema assegnerà l’uso della pistola al touch screen invece che al mouse, a scelta decidete se rendere visibile o meno il mirino alla voce “Show Light Gun Crosshair”.

Retroarch MS Lightgun 2

Uscite dal menù opzioni e entrate stavolta in “Controlli” e alla riga “Utente 1 Tipo di dispositivo” selezionate “MS Light Phaser”, selezionate poi “Salva il file di Remap del gioco” per salvare le impostazioni solamente per il gioco in uso, in caso contrario verranno sovrascritte anche le opzioni di tutti i titoli della console rendendo i giochi non funzionanti.

Dovremmo ripetere la procedura per ogni titolo che richieda l’uso del phaser.

3 pensieri riguardo “Genesis Plus GX – Emulare Sega Master System e Genesis su Retroarch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *