Mupen64Plus-Next è un emulatore per Nintendo 64 disponibile sottoforma di core retroarch.
Evoluzione del Mupen64 Plus è in grado di emulare i titoli Nintendo 64 senza grandi incertezze, le sue feature aggiuntive e la possibilità di selezionare i plugin da utilizzare per l’emulazione caratterizza questo emulatore come uno dei migliori sulla piazza.
Mupen64Plus-Next supporta anche i giochi Nintendo 64 DD, l’uso del texture pack, memory pack, rumble pack e grazie all’integrazione in Retroarch rappresenta un ottima opzione per godere dei titoli N64 anche su Android.

Dati utili su Mupen64Plus-Next

Sistemi Emulati: Nintendo 64, Nintendo 64 DD;
ROM: Il formato consigliato per i titoli Nintendo 64 è normalmente .n64 , tuttavia sono supportati anche .z64 .v64 .u1 .ndd .gb;
BIOS: Nessun file BIOS richiesto per l’emulazione N64, File BIOS richiesto per i titoli N64 DD;
Documentazione ufficiale -> Libretrodocs;
Lista di compatibilità: Non Presente;



Questa guida tratta solamente la corretta installazione e configurazione del core in versione Retroarch su sistema operativo Windows, la sua integrazione con i vari frontend verrà trattata nelle apposite sezioni accessibili tramite il menù posto nella parte superiore del sito.

Guida all’uso

Mupen64Plus-next è disponibile esclusivamente sotto forma di core su piattaforma Retroarch.

Se ancora non possedete Retroarch date prima una lettura alla nostra guida base su come installare e configurare Retroarch.

Download del core Mupen64Plus-Next

Avviamo Retroarch e giunti al menù principale selezioniamo “Carica core” e successivamente “Scarica core” per accedere alla lista completa dei core disponibili per la vostra piattaforma.

La lista è in ordine alfabetico quindi muoviamoci alla voce “Nintendo – Nintendo 64 (Mupen64Plus-Next)” e selezioniamola, Retroarch scaricherà e installerà automaticamente i file necessari.

Potrete notare la presenza di un altro core relativo all’emulazione N64 chiamato “ParaLLEl N64”.
Esso pure essendo un ottimo core non verrà trattato in questa guida, è possibile inoltre selezionare ed utilizzare il plugin ParaLLEl anche utilizzando Mupen64Plus-Next godendo sia delle feature del core che delle performance del plugin.

BIOS

Come descritto in precedenza nessun file BIOS è necessario per l’emulazione dei titoli Nintendo 64.

Per l’avvio dei giochi Nintendo 64 DD invece è obbligatorio possedere il relativo file bios nominato “IPL.z64” (Fonte: link).

Formato delle rom

I formati supportarti sono .n64 .v64 .z64 .bin .u1 .gb, i file .ndd sono invece genericamente utilizzati per i titoli N64 DD;

Aggiunta e avvio dei giochi

E’ possibile utilizzare la tradizionale procedura di scansione per importare le rom N64 in Retroarch, esse verranno correttamente riconosciute e catalogate nel menù principale.
Dal menù principale quindi posizioniamoci su “Importa Contenuto” e tramite la voce “Scansione Directory” muoviamoci nella cartella contenente le nostre rom quindi selezioniamo “<Effettua la scansione di questa directory>” per avviare la procedura

Qualora ne aveste necessità potete comunque procedere alla creazione di una Playlist personalizzata su misura per voi, per farlo seguite questa guida (link)

Configurazione

Una volta avviato il gioco premete “F1” (nel caso non abbiate cambiato il tasto assegnato) e selezionate “Opzioni”, qui troverete le impostazioni del core che vi permetteranno di adattare il gioco alle vostre esigenze.

Qui troviamo il menù dal quale potremo configurare a piacere il core Mupen64Plus-Next:

Retroarch Mupen menù rapido

Anche se Il Nintendo 64 non è decisamente la console più portata all’emulazione possiamo comunque trovare alcune interessanti opzioni in questo menù.

Scelta del plugin

Per prima cosa alla voce “RDP Plugin” e “RSP Plugin” selezioniamo rispettivamente “ParaLLel-RDP” e “ParaLLEl“, così facendo potremmo usufruire dei più moderni e performanti plugin ParaLLEl derivati dall’omonimo core Retroarch descritto precedentemente.

Una volta selezionato i plugin apparirà una nuova voce nel menù chiamata “ParaLLEl-RDP” avente come simbolo in razzo.
Al suo interno troviamo alcune opzioni che risultano però alquanto tecniche e difficilmente utilizzabili dall’utente medio.

Differente questione invece è il menù “Pack/Controller Options” posto in ultima posizione.
Tramite esso infatti è possibile affinare la sensibilità dell’analogico e del C-pad (i quattro bottoni gialli presente sul controller N64 Originale” e selezionare quale Pack connettere al vostro controller tra Memory Pack, Rumble e Transfer Pack.
Essi rappresentano le periferiche che normalmente venivano inserite nella parte sottostante del pad originale e garantiranno i relativi benefici nei giochi che li supportano.
Se state giocando con un classico pad (es il pad Xbox for Windows) selezionate il rumble pack per il Player 1 così da attivare la funzione vibrazione nei giochi.

Widescreen e Risoluzione

L’uso del plugin ParaLLEl essendo LLE (Low Level Emulation) renderà impossibile l’avvio dei giochi Nintendo 64 in formato Widescreen (16:9) sia esso nativo o “stirato”.
NB. La funzione Widescreen in ParaLLEl è attualmente in lavorazione (fonte).

I plugin LLE infatti possono vantare un’emulazione di basso livello, ovvero il più simile possibile al linguaggio macchina utilizzato dalla console originale permettendo una migliore fedeltà grafica e di emulazione ma rendendo più difficile qualsiasi modifica al motore di gioco.
Ma non tutto è perduto! Potete forzare l’immagine a stirarsi ad un formato 16:9 semplicemente modificando la voce “Opzioni > Video > Ridimensiona > Rapporto d’aspetto” e impostandolo appunto a “16:9“.
Otterrete così un immagine stirata e deformata per adattarsi al nuovo Aspect Ratio.

Altra opzione per forzare i giochi ad avviarsi in Widescreen o risoluzioni FullHD/4K è quella di selezionare un plugin HLE (High Level Emulation) che con un emulazione di alto livello, magari meno fedele all’originale ma capace di intervenire in maniera più drastica sull’emulazione.

Se questo è il vostro intento selezionate “GlideN64” dalla voce “RDP Plugin” e “HLE” dalla voce “RSP Plugin“. successivamente potrete modificare tutte le opzioni video dalla voce “GlideN64” del menù appena apparsa.

Ulteriori configurazioni

A questo punto del tutorial potete tranquillamente avviar e giocare a tutti i titoli Nintendo 64 che vorrete.

Esistono però ulteriori opzioni e funzionalità da esplorare, feature magari rivolte a pochi appassionati ma non per questo meno interessanti. Eccone alcune:

Texture pack ad Alta risoluzione

Così come Project64 anche Mupen64Plus-Next supporta i Texture pack ad alta risoluzione, essi se in formato .htc andranno posizionati nella cartella “Mupen64Plus\cache” mentre se in formato non compresso andranno posizionati in “Mupen64Plus/hires_texture“.

per maggiori informazioni consultate la sezione “Hires Texture” di questo link.

Transfer Pak

E’ possibile emulare l’utilizzo dei Transfer Pack, utilizzato per sulla console originale per il trasferimento di dati dalle cartucce Nintendo GameBoy e GameBoy Color.

per maggiori informazioni consultate la sezione “Using the Transfer Pak” di questo link.

Avvio dei titoli Nintendo 64 DD

Non tratteremo l’avvio di questo tipo di titoli in questo tutorial ma potete trovare maggio informazioni in questi thread, link1, link2;

One thought on “Mupen64Plus-Next – Emulare il Nintendo 64 con Retroarch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.