MAME, funzionamento e configurazione

Ricordo a tutti i lettori che questa guida tratta solamente la corretta configurazione dell’emulatore, il settaggio dei comandi, della risoluzione e altre impostazioni. L’integrazione del MAME ad Hyperspin sarà trattata nell’apposita pagina in sezione “Hyperspin”.

Cos’è il MAME?

Il MAME (Multiple Arcade Machine Emulator) è un emulatore nato nel lontano 1997 nato inizialmente su sistema operativo MS-DOS per riunire al suo interno molteplici emulatori già presenti in rete, ad esempio quello di Pac-Man, il progetto si è ben presto allargato a dismisura e supporta attualmente più di 10000 titoli diventando un vero punto di riferimento per l’emulazione di sistemi Arcade.

l’emulatore è gratuito e riceve aggiornamenti continui su base mensile, ad ogni nuova versione è necessario aggiornare anche le rom dei giochi per evitare incompatibilità, ad ogni versione quindi corrisponde un specifico set di rom che può arrivare a pesare abbondantemente oltre i 100Gb nel caso di un set completo (da conservare gelosamente mi raccomando), ma esistono anche di pacchetti di update per aggiornare il vostro rom set ad una versione più recente.

Tratteremo solamente la release ufficiale in questa guida ( https://www.mamedev.org/ ) tuttavia sono disponibili numerose varianti di questo software, ognuna con le sue particolari funzionalità, “MAME UI” per esempio aggiunge un interfaccia grafica in stile windows al programma, mentre sono stati realizzati porting per numerose altre piattaforme, MAME4Droid e MAME4Doird Reloaded per i dispositivi Android, iMAME4all per i dispositivi IOS, MAME OS X per i dispositivi MAC, MAMEoX per Xbox e così via.

Come funziona?

Come accennato precedentemente il MAME è non è un semplice emulatore ma quasi un mondo a se stante, a causa della sua natura “multipla” supporta decine e decine di sistemi diversi e riceve mensilmente aggiornamenti che toccano sia il programma che le sue ROM. Ecco perché ad ogni versione del MAME corrisponde uno specifico set di ROM e trovate online anche dei “pratici” pacchetti per aggiornare il vostro set di ROM ad una versione più recente (vedremo in futuro come).

Quando parliamo di giochi MAME quindi d’ora in poi parleremo di ROM ed è questo il termine che viene ampiamente utilizzato online.
Ad ogni sistema emulato dal MAME corrisponde anche un relativo BIOS ovvero il “cuore” della console, il software sulla quale si poggiava l’intera struttura di quel sistema estratta dal cabinato della sala giochi e compressa in un file .zip, ecco quindi che per i giochi Neo Geo avremmo “neogeo.zip”, per le console arcade sega avremmo “naomi.zip” “naomi2.zip” “hikaru.zip” e così via.
E’ facile capire a questo punto perché alcune ROM necessitino di questi file per essere correttamente eseguite e giocate, ed è importante avere tutti i file BIOS necessari per poter eseguire le nostre ROM, troviamo dei pratici pacchetti comprensivi di tutti i BIOS online e vengono ovviamente inseriti nei pacchetti di update qualora uno di essi venisse modificato durante un aggiornamento del MAME.

Il MAME è per sempre!
Lavorare con delle ROM non aggiornate o dei BIOS diversi rispetto alla vostra versione del programma è una pessima idea e non passerà molto tempo prima che i giochi inizino a non funzionare, a crashare o il software inizi a darvi errori di file mancanti e simili!
Ecco perché è SEMPRE opportuno avere un set di ROM ben ordinato e aggiornato alla vostra versione del MAME, col tempo lo aggiornerete alle successive versioni di pari passo al software principale, sistemerete alcuni giochi non funzionanti e passerete molto tempo a curare la vostra collezione.
Prendete un set che sia pari alla vostra versione dell’emulatore e iniziate con quello, conservatelo e abbiatene cura o rischierete di rovinare mesi di lavoro.

Download

Il MAME è gratuito e liberamente scaricabile dal sito ufficiale https://www.mamedev.org/ entriamo nel sito e nel menù in alto clicchiamo sulla voce “Download” e “Lastest Release” e scarichiamo la versione che ci interessa 32bit o 64bit.

Se non sei sicuro che il tuo pc supporti i 64bit, ad esempio se è un computer datato o non conosci la versione del tuo sistema operativo scarica la versione 32bit, funzionerà comunque o in alternativa scaricale entrambe e prova ad avviare la versione da 64, se ricevi errore vuol dire che non è supportata dal tuo pc.

Estraiamo il contenuto nella cartella che abbiamo deciso di destinare al MAME

Avvio e panoramica dei menù

Dando uno sguardo alla cartella principale dell’emulatore resteremo un po’ spaesati dalla quantità di eseguibili e cartelle, la cartella più importante è quella denominata “roms”, lì andranno copiati i nostri giochi e i file BIOS necessari al loro funzionamento, mentre l’unico eseguibile che ci interessa per ora è il file “mame64.exe”
Avviamo quindi l’emulatore e ci troveremo davanti ad una schermata molto simile a questa:

Nella parte alta dello schermo troviamo troviamo subito alcune importanti informazioni quali la versione del MAME, in questo caso la 0.202, il numero di giochi attualmente visualizzati nella lista, subito dopo separato dal carattere “/” il numero totale dei titoli supportati dall’emulatore e infine il numero di file BIOS presenti.

Nella parte centrale trova posto la lista dei giochi, in bianco sono evidenziati i titoli che possediamo di cui il MAME ha correttamente rilevato la presenza nella sua catella “roms” (se non abbiamo impostato una cartella differente nelle opzioni), tramite la colonna sinistra possiamo filtrare ad esempio in base all’anno di produzione (Year), alla casa produttrice (Manufacturer), o più semplicemente ai titoli che possediamo (Available o Unavailable).

Il menù opzioni

Ora procediamo a configurare il nostro MAME, selezioniamo quindi la voce “Configure Options” usando il mouse o le frecce direzionali, e si aprirà questo menù, può risultare facile sbagliarsi e aprire invece la voce “Configure Machine” ma la differenza è importate, quest’ultima infatti contiene solamente opzioni riguardati il gioco selezionato e non influenzerà in alcun modo gli altri titoli della lista.

Customize UI” potremo cambiare il font dei caratteri, i colori del menù principale e la lingua dell’interfaccia

“Configure Directories” è molto utile per cambiare la cartella di default dell’emulatore, per esempio possiamo impostare una diversa directory per le rom così da usare una cartella già esistente ed evitare di copiare Giga e Giga di materiale inutilmente.

in “Video Options” troviamo alcune interessanti opzioni video quali la modifica dell’aspect Ratio (4:3, 16:9 e così via), la possibilità di avviare i giochi in Finestra o a schermo intero e numerosi filtri grafici.

Sound Options” dice tutto da sé, non c’è molto da aggiungere;

Miscellanous Options” contiene opzioni varie quali la possibilità di abilitare i “Cheats” (non vi lasciate ingannare, non si usa solo per barare, questa opzione ci verrà in aiuto per risolvere alcuni problemini in futuro), la possibilità di nascondere il puntatore del mouse o di saltare la schermata iniziale del BIOS e così via.

Device Mapping” permette di cambiare la periferica che emulerà un determinato dispositivo… in parole povere se abbiamo di fronte un gioco che utilizza le Lightgun o un volante possiamo scegliere se affidarne i controlli alla tastiera, al mouse o a qual si voglia periferica del nostro PC.

Settare i comandi

General Inputs” è la voce che più ci interessa al momento, qui infatti imposteremo tutti i controlli del MAME e merita una visuale più approfondita, sono TANTI e confusionari, probabilmente non userete il 90% dei controlli che vedete in queste schermate per cui vi darò un breve elenco dei comandi principali, il resto li scoprirete col tempo:

User Interface” contiene i controlli dell’interfaccia, UI Up, UI Down, UI Left, UI Right, UI Select e UI Cancel sono i più importanti e si spiegano da sé.

Player 1 Controls” e tutte le successive voci fino al 10, è la voce più importante e ci permette di configurare i controlli dei vari giocatori,
le prime righe “P1 Up/Down/Left/Right” e le sue varianti “Right Stick e Left Stick” sono i controlli direzionali;
“P1 Buttons 1-16” sono i pulsanti per giocare ma nel 99% dei casi userete solamente al massimo i primi 10;
“P1 Start e P1 Select” sono rispettivamente i tasti Start e Select (Ma va?);
Userete questi settaggi nel 90% dei titoli arcade classici.

“P1 Mahjong e Hanafuda” serviranno solamente a questo genere di giochi (Mahjong e hanafuda appunto);
le righe da “High a Stop all Reels” verranno usate nei giochi da casinò, poker, roulette e simili;
A meno che non lo vogliate è molto probabile che non utilizzerete mai questi comandi in futuro dato che rispondo ad un genere di giochi abbastanza ristretto.

“P1 Pedal 1/2/3” sono relative ai giochi di guida e sono in genere assegnate ad una levetta analogica, mentre le successive righe “Dec e Inc” andranno ad aumentare e diminuire quel valore, permettendo per esempio di assegnare il controllo di un acceleratore di un aereo a due pulsanti invece che ad una levetta analogica, o ancora di trasferire i comandi di quei Joystick ai tasti WASD;

“Paddle Analog, Positional Analog, Dial Analog” sono relativi a dei comandi analogici, in genere se non siamo sicuri è meglio lasciarli vuoti e configurarli nel momento in cui un gioco lo richieda, oppure assegnarli ad una levetta analogica a piacere o a dei pulsanti con la stessa tecnica del “Dec/Inc” descritta prima

“Track, AD Stick, Lightgun e Mouse” fanno riferimento a vari tipi di dispositivi di puntamento, le userete solamente su pochi titoli ma se li volete già configurare potete assegnarli al mouse e usando poi la metodologia “Dec/Inc” per le restanti righe, in ogni caso parleremo di come configurare le lightgun e eventuali altri controlli a tempo debito in una pagina dedicata;

Infine “Other Controls” contiene i rimanenti tasti da assegnare, principalmente saranno “Start e Coin” uno per uno giocatore, di minor importanza invece i comandi del flipper e quelli relativi al volume;

“Advanced Options” qui troviamo le ultime interessanti opzioni, alcune riguardanti le performance, la possibilità di ruotare lo schermo, e alcune utili opzioni sugli input quali la possibilità di attivare o disattivare mouse, lightgun e/o joystick;

configurate a piacere i comandi che vi interessano (principalmente i controlli, il resto verrà eventualmente in futuro) e ricordatevi di selezionare “Save Configuration” prima di uscire dal menù, altrimenti tutto il vostro lavoro svolto andrà perduto!

Se avete seguito correttamente la guida dovreste essere in grado di avviare correttamente i giochi dal menù principale del MAME, avviatene uno per prova e buon divertimento!


Possibili Problemi:

Questa sezione del sito può crescere grazie al tuo contributo! se riscontri un problema non presente in questa lista non esitare a contattarci all’indirizzo mail : problemi@robadapixel.it

Problema 1:

Avviando il gioco mi esce una schermata rossa che dice
“The selected machine is missing one or more ROM or CHD images. Please select a different machine”
;
(vedi immagine sotto)

la schermata in questione dovrebbe essere molto simile a questa, questa schermata indica che il vostro MAME non è riuscito a trovare i file necessari all’avvio del gioco, dando per scontato che abbiate correttamente impostato la cartella delle ROM come descritto in precedenza le cause posso essere due:
1) possedete un file ROM di una versione differente rispetto alla vostra versione del MAME, dovete trovare la ROM della versione giusta, scaricare un nuovo set aggiornato alla vostra versione o aggiornarla voi stessi usando il software “clrmamepro” (vedremo in seguito come usarlo);
2) nell’immagine la scritta (neogeo) alla fine di ogni riga indica nella maggior parte dei casi che i file mancanti sono nel BIOS (in questo caso neogeo.zip), possiamo trovare in rete dei pacchetti con tutti i BIOS aggiornati alla versione che ci serve. Basterà scaricarli e copiarli nella cartelle delle ROM per risolvere l’errore;

Problema 2:

Ho correttamente configurato i controlli, riesco a giocare tranquillamente ai titoli ma al successivo riavvio tutte le impostazioni si sono resettate e le sezione “General Inputs” risulta completamente vuota;

Normalmente il MAME non dovrebbe perdere la configurazione salvata, lo fa’ solamente quando all’avvio dell’emulatore non rileva la periferica connessa, se avviate quindi il programma con il Joypad disconnesso, MAME azzererà i settaggi riportandoli allo stato originale.
Per risolvere prima di tutto assicurati di aver effettivamente premuto “save configuration” prima di uscire dal menù.
In secondo luogo una semplice soluzione è quella di mettere in “sola lettura” la cartella cfg del nostro MAME.
Navighiamo quindi nella cartella principale dell’emulatore, clicchiamo col tasto DESTRO sulla cartella “cfg” e selezioniamo “proprietà”.
Sulla scheda “Generale” a fianco della voce “attributi” mettete il segno di spunta su “sola lettura”, potete se volete ripetere lo stesso procedimento anche sul file “default.cfg” presente dentro la suddetta cartella.
IMPORTANTE!: ricordatevi di togliere questa impostazione se dovete modificare qualsivoglia impostazione del MAME! altrimenti il software non riuscirà a salvare le nuove impostazioni!

Problema 3:

Alcuni giochi si avviano correttamente ma si chiudono subito dopo senza dare errori;

Può succedere che alcuni titoli abbiano bisogno di un file BIOS aggiuntivo per funzionare, è il caso dei giochi per Capcom Play System 2 che richiedono il file “qsound.zip” per gestire correttamente l’audio.
Vi basterà scaricare il file sopra indicato a patto che sia compatibile con la vostra versione del romset!

Un pensiero riguardo “MAME, funzionamento e configurazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *